Musica e spettacolo a Berlino

A partire dalla fine dell’Ottocento Berlino, divenuta nel 1871 capitale della Germania unificata, conosceva un periodo di notevole sviluppo che la portava a diventare una grande metropoli, paragonabile a città come Parigi e Londra.

Nel 1900 venne fondato dal barone Ernst  von Wolzogen, il primo cabaret tedesco, che prese il nome Überbrettl, letteralmente Superpalcoscenico, una parodia del Superuomo di Nietzsche. Proponeva un repertorio sofisticato rivolto a  un pubblico competente e con sensibilità artistica. Il programma comprendeva canzoni, romanze e poesie. Erano previste anche la satira e la parodia nei limiti della rigida censura imperiale. Victor Hollaender era il direttore dell’orchestra con Oscar Straus come principale compositore. Tra gli autori dei testi vi erano Christian Morgenstern e  Arthur Schnitzler.

L’Überbrettl era anche un movimento per il rinnovamento dei testi e della musica in voga nei teatri più leggeri della Germania fino a poco prima dell’inizio del secolo. L’atmosfera del cabaret fu abbozzata da Otto Julius Bierbaum nel suo romanzo Stilpe del 1897, al quale Wolzogen si ispirò nella fondazione dell’Überbrettl.

Nel 1902 Wolzogen si ritirò e le rappresentazioni teatrali si concentrarono su commedie banali. Dal 1909 in poi i locali, decorati in stile Art Nouveau da  August Endell, furono utilizzati dalla compagnia teatrale Volksbühne.

Ernst von Wolzogen

Ernst von Wolzogen

Überbrettl,

Überbrettl

 

All’inizio del secolo il cabaret più noto fu lo Schall und Rauch (Suono e Fumo), cabaret letterario fondato da Max Reinhardt. Il programma comprendeva pantomime, atti unici e sketches satirici. Oltre a Max Reinhardt vi lavoravano Friedrich Kayssler, Martin Zickel, Else Heims e Richard Vallentin.

Max Reinhardt, pseudonimo di Maximilian Goldmann (1873–1943) è stato regista, attore e produttore teatrale, drammaturgo e regista cinematografico. Era austriaco essendo nato a Baden, a pochi chilometri da Vienna. Apparteneva ad una famiglia borghese di origine ebraica. Il Cabaret Schall und Rauch fu il suo trampolino di lancio sulla scena berlinese che di lì a poco lo avrebbe visto diventare uno dei maggiori registi teatrali del Novecento. Nel 1905 fu chiamato ad assumere la conduzione del Deutsches Theater dove sotto la sua supervisione nacquero delle produzioni spettacolari e modernissime.

Max Reinhardt

Max Reinhardt

Fra i teatri da lui diretti ci fu il Theater am Schiffbauerdamm dove, fra il 1903 e il 1906 mise in scena testi come l’Elettra di Hugo von Hofmannsthal e Salomé di Oscar Wilde.

Durante la conduzione del Deutsches Theater Reinhardt fondò una scuola di teatro per giovani talenti, il Kammerspiel, dove si formarono attori come Marlene Dietrich, Leopoldine Konstantin e Greta Garbo, registi come Leni Riefenstahl, Friedrich Wilhelm Murnau, Georg Pabst e Fritz Lang.

Theater am Schiffbauerdamm

Theater am Schiffbauerdamm

Großes Schauspielhaus

Großes Schauspielhaus

 

Nel 1906 mise in scena Spettri di Henrik Ibsen le cui scenografie furono realizzate dal pittore norvegese Edvard Munch, e i capolavori di Frank Wedekind, Lo spirito della terra e Risveglio di primavera.

Nel 1919 Reinhardt fondò il Großes Schauspielhaus un teatro con un palco enorme che eliminava la separazione fra palcoscenico e pubblico inaugurato con l’Edipo re di Sofocle.

Nel 1933, a causa della violenta campagna antisemita, si trasferì negli USA. Qui, insieme a William Dieterle diresse per il cinema Sogno di una notte di mezza estate con i balletti di Bronislawa Nijinska e tra gli interpreti James Cagney, Holivia de Havilland, Anita Louise, Mickey Rooney. Il film vinse due Oscar e ottenne altre due nomination. Reinhardt morì nel 1943 a New York.

A Berlino i cabaret di Wolzogen e Reinhardt fecero da battistrada per la nascita di altre iniziative simili. Molte taverne e ristoranti cominciarono ad offrire al pubblico spettacoli di intrattenimento notturno spesso sfidando la rigida censura.

Rudolf Nelson era un compositore di origini ebraiche che si mise in luce quando vinse il primo premio in un concorso organizzato dal giornale Die Woche, per la miglior composizione di un valzer.

In seguito intraprese la carriera di artista di cabaret esibendosi al pianoforte nel cabaret Roland von Berlin da lui fondato nel 1904 insieme a Paul Schneider-Duncker.

Nel 1907  lasciò il Roland per fondare un altro cabaret chiamato Chat Noir. La sua attività a Berlino proseguì  dopo la Grande Guerra fino al 1933 quando i nazisti lo costrinsero ad abbandonare la Germania.

Nelson fondò una compagnia ad Amsterdam dove lavorò fino all’occupazione tedesca e al suo internamento nel campo di concentramento di Westerbrok. Nelson sopravvisse alla persecuzione nazista e nel 1949 ritornò a Berlino dove riprese la sua attività.

Paul Schneider-Duncker fece il suo debutto come cantante nel 1900 nel Berliner Theatre. Era il prototipo dell’elegante intrattenitore dandy, che bene interpretava la vocazione cosmopolita del cabaret berlinese di quegli anni. Nel 1904 fondò insieme a Rudolf Nelson il cabaret Roland von Berlin dove divenne un popolare interprete delle canzoni di Nelson. Quando Nelson nel 1907  abbandonò il Roland, proseguì da solo con grande successo e lanciò la cantante Claire Waldoff e il compositore Walter Kollo.

Claire Waldoff dopo alcune esperienze in teatrini e taverne della periferia di Berlino  fu scritturata al Roland von Berlin. Qui pur con tanti problemi con la censura ottenne un grande successo meritandosi l’appellativo di “Stella di Berlino”. Dopo alcuni mesi passò allo Chat Noire dove consolidò la sua popolarità.

Claire Waldoff cantava canzonette spesso triviali nel gergo berlinese dei quartieri popolari fumando e imprecando. Indossava abiti maschili con camicia e cravatta e portava i capelli tagliati alla maschietta. Negli anni venti contava un repertorio di oltre 300 canzoni.

 

Walter Kollo era un compositore di operette e canzone popolari. Il suo lavoro più famoso è Wie einst im Mai (Come una volta in maggio). Scriveva anche canzoni per Claire Waldoff.

Paul Lincke è considerato il padre dell’operetta berlinese. Il suo primo lavoro di successo fu Frau Luna del 1899. Altre sue operette notevoli sono Im Reiche des Indra (Nel regno di Indra) e Lysistrata.

Anche Jean Gilbert era un compositore di operette e direttore d’orchestra. Il suo lavoro di maggior successo è stato Die keusche Susanne (La casta Susanna) del 1910.

 

Pagina iniziale La Belle Epoque